Siena: le enigmatiche tarsie del pavimento del Duomo

- Arte, Cultura, Siena, Toscana
In occasione della scopertura straordinaria del pavimento del Duomo di Siena, osservo le sue magnifiche tarsie e scopro un mistero, o meglio ..una lunga storia che arriva dal passato ma che è ancora capace di appassionare i cercatori di conoscenza

 

Sono entrata diverse volte negli anni a visitare il Duomo di Siena e ogni volta sa prendermi alla sprovvista per consegnarmi alla meraviglia.

In occasione della scopertura straordinaria del pavimento del Duomo, sono voluta tornare a rivederlo, non potevo perdermi un’occasione così ghiotta!

Il pavimento del Duomo è un libro di pietra e parla, da centinaia d’anni, a chi lo vorrà (e lo saprà) leggere. Senza usare molte parole, affida alle immagini musive il suo arcano messaggio.

Entrando, nella navata centrale, la prima tarsia che si incontra presenta una scena dove un anziano parla a un uomo vestito all’orientale e a un giovane vestito all’occidentale. L’Uomo Anziano è Ermete Trismegisto, cioè Ermete il tre volte sapiente, una figura “mitica” (mi si conceda il termine) che da subito ci fa intuire su che registro si dipanerà il mistero del pavimento del Duomo. Ermete trasmette quindi la sua conoscenza prima all’Oriente e poi all’Occidente.

siena ermete duomo

La Tarsia con Ermete Trismegisto

La seconda tarsia del pavimento del Duomo rappresenta le città, tra cui Firenze, Viterbo, Pistoia… con Siena al centro.

Le città non rientrano nella suddivisione regionale odierna ma fanno riferimento alla Tuscia e alle città alleate di Siena.

Noto con curiosità gli animali che simboleggiano le città.. molto bello il Drago per la città di Pistoia.

In corrispondenza della cupola, le tarsie sono disposte secondo uno schema esagonale.

Nelle navate laterali entrano in scena le Sibille, una per ogni tarsia e ciascuna col proprio messaggio.

Studiare il pavimento del Duomo di Siena non significa imparare semplicemente delle nozioni di storia dell’Arte, è il possibile inizio di un viaggio attraverso le pieghe del tempo e della storia, lascio ad ognuno di voi il piacere e la curiosità di intraprenderlo.

Ma i misteri senesi, non si esauriscono di certo col pavimento del Duomo. Chi saprà cercare, troverà nelle pareti esterne del Duomo una pietra apparentemente insignificante ma che cela in sé un ulteriore nodo da sciogliere: il Sator.

Informazioni per la visita del Duomo di Siena

Il pavimento del Duomo di Siena non è sempre scoperto nella sua interezza, questo per tutelarne la conservazione.

Per chi volesse vederlo, o visitare il Duomo di Siena, rimando al sito dell’Opa , dove si possono consultare costi ed orari.

Per i curiosi, segnalo un libro dedicato al Pavimento del Duomo: “Il pavimento del Duomo di Siena” di Bruno Santi – ed. Scala Group

Previous Story
Next Story

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply
    Pienza: il Duomo, il Calendario astronomico, il Mito
    novembre 15, 2016 at 2:31 pm

    […] Il Piccolomini, insieme ai suoi contemporanei come Leon Battista Alberti, Ficino, Cusano e Rossellino, si dedicò con passione allo studio dei testi antichi, alla ricerca di un equilibrio dell’uomo, in bilico fra la terra e il cielo. Uno dei personaggi oggetto di maggior studio (e di mistero) fu Ermete Trismegisto, che venne rappresentato anche nel pavimento del Duomo di Siena. […]

  • Leave a Reply

    Translate »
    Close