Scopri Scicli: Palazzi Barocchi e una Madonna Guerriera

- Borghi, Cultura, Sicilia, Val di Noto
scicli palazzi

Scicli, balcone scolpito

Cosa vedere a Scicli: un itinerario fra i palazzi barocchi, la Madonna delle Milizie e le dolci Teste di Turco.

Raccontami Scicli di cosa è fatta la magia che emani.

La sento emergere, come un crescendo, man mano che gli occhi si abituano alla tua luce.

Come riesci, Scicli, così piccola, a contenere tanta meraviglia.

Le tue curve barocche si intrecciano nei miei ricordi.

Le ringhiere voluttuose, le urla scolpite nelle pietre, la vita stessa pulsa dietro le facciate dei tuoi palazzi.

Scicli, sii dolce: trattieni il colpo di Bellezza che puoi far vibrare.

Per togliermi il fiato, ti basta rivelarti a poco a poco.

 

COSA VEDERE A SCICLI: IL BAROCCO FRA CHIESE E PALAZZI STORICI

Scicli fa parte dell’itinerario barocco del Val di Noto, che ha avuto l’importante riconoscimento Unesco.

Il centro storico è un concentrato di architetture barocche, un museo a cielo aperto.

Passeggiate lungo la via Mormina Penna per ammirare, come in una sfilata, alcune delle chiese e dei palazzi più belli di Scicli.

Mi piace osservare le finestre ancora intrise dell’atmosfera dei secoli passati, i balconi ornati con smorfie e creature fantastiche.

L’itinerario sciclitano deve passare ai piedi del suo edificio più scenografico: Palazzo Beneventano, un capolavoro del Barocco.

scicli palazzi

Scicli, Palazzo Beneventano

La Chiesa di San Giovanni Battista si apre sullo spazio interno ovale e soffuso di azzurro.

La Chiesa di San Bartolomeo dalla facciata in stile barocco-neoclassico, un gioco elegante di pieni e di vuoti.

La celebre Madonna delle Milizie, che Scicli venera nella Chiesa Madre, in groppa al cavallo e armata di spada e corazza. La singolare Madonna, nell’unica versione guerriera che si conosca, nel 1091 intervenne direttamente nel campo di battaglia per salvare Scicli dagli invasori saraceni.

scicli chiesa barocca

Scicli, Chiesa di San Michele Arcangelo

 

SCICLI: L’ARTE HA PRESO CASA QUI

A Scicli è attivo sin dagli anni ’70 un gruppo di artisti, conosciuto come “Il Gruppo di Scicli”.

Seguendo percorsi differenti, questi artisti si sono riuniti al richiamo della luce vibrante di Scicli.

Alvarez, Candiano, Colombo, Guccione, Paolino, Polizzi, Puglisi, Sarnari, Zuccaro: grazie per portare avanti un messaggio artistico al di fuori delle metropoli.

Per ricordare le parole di Guttuso siete “isole di purezza”..

 

SCICLI: I TURCHI SI MANGIANO!

A Scicli i turchi se li vogliono proprio “mangiare”…ma con dolcezza!

Il dolce tipico si chiama infatti “Testa di Turco”: una grande pasta bigné ripiena di morbida crema alla ricotta che vi convincerà che questi “turchi”, in realtà, sono proprio buoni!

 

INFORMAZIONI UTILI

Il Gruppo di Scicli

Il Comune di Scicli

 

Previous Story
Next Story

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Emmanuelle
    febbraio 5, 2017 at 12:40 am

    Quel plaisir de découvrit vos articles ,moi qui ne verrais jamais la Sicile en réel j’ai découvert comme vous le dites si bien un musée en plein air ,Vos légendes apportent un plus et vos photos sont splendides .
    Terminer avec le dessert du chef Turc très bonne idée et bien appétissante .
    Je vous remercie pour ce beau reportage .
    Bien à vous ,Emmanuelle

    • Reply
      amarisla
      febbraio 12, 2017 at 11:43 pm

      Merci Emmanuelle! A presto!

    Leave a Reply

    Translate »
    Close