Palermo: lo splendore della Cappella Palatina

Palermo: lo splendore della Cappella Palatina
Nel maestoso Palazzo dei Normanni, la Cappella Palatina custodisce lo splendore dello stile arabo-normanno recentemente posto sotto la tutela Unesco.

Ruggero II viveva nell’XI secolo, sovrano svevo del magnifico Regno di Sicilia. La casa regnante normanna aveva fatto un grande passo per Palermo, aveva scelto di renderla sede regia, dopo che, sotto la dominazione araba, era stata madina Siqilliya.

Palermo divenne così capitale dell’Impero, il glorioso sogno panormita era sbocciato.

E sbocciò fulgido, nel colore dell’oro dei mosaici, nella maestosità del Cristo Pantocratore che scruta, severo e forte, dall’alto delle cupole.

La Cappella Palatina si trova racchiusa al secondo livello del cortile Maqueda, a Palazzo dei Normanni.

Entrare e trattenere il fiato, è una cosa sola.

In uno spazio raccolto, si condensarono, dal 1131 fino al 1143, i gesti e l’arte eterna dei migliori artisti cristiani, bizantini e arabi che Re Ruggero ebbe l’intuizione di riunire in un’opera corale.

La cupola bizantina soffusa d’oro, la navata centrale tipica della basilica cristiana sormontata da una volta lignea a muqarnas, in stile arabo.

Pensate all’epoca in cui venne concepita questa idea, unire l’arte cristiana, bizantina e araba in un edificio mai visto prima.

Siamo nel Medioevo, e fu un’idea da togliere il fiato.

Re Ruggero voleva che la sua Cappella fosse qualcosa di unico, ce lo dice nell’iscrizione alla base della cupola: Ruggero Re, scettropossente fa costruire la Chiesa all’Arcipastore e Corifeo Pietro nell’anno 6651 dalla fondazione del mondo o 1143 dalla Incarnazione di Cristo.

Lasciatevi incantare dalle decorazioni musive, dagli angeli, dalla luce sospesa di questo ambiente sacro.

Cogliete il regalo che ci ha lasciato il Re Normanno: la mescolanza delle diverse culture conduce alla Bellezza.

 

Informazioni utili

Il riconoscimento dell’Unesco per la Palermo arabo-normanna

Il sito della Cappella Palatina

Uno studio interessante sul soffitto ligneo della Cappella Palatina

 

amarisla

Ciao, mi chiamo Serena e Amarisla è il mio progetto dedicato alla Toscana e ai Giardini, un taccuino di viaggio con i miei racconti e consigli. Sono nata e cresciuta a Milano, ma da 12 anni vivo in Toscana perchè ho dato ascolto a un sogno: trasferirmi dalla città alle colline senesi..

Image module
delimiter image

ho preparato

Una Guida per te

Ho viaggiato e assaggiato, ho fotografato e raccontato per offrirti in dono una Guida alle Merende Toscane.

Troverai spunti di viaggio nelle Crete Senesi, in Val d'Orcia, a Siena, Arezzo e Montepulciano.

iscriviti,  controlla nella tua email e segui i passaggi: ti manderò una mail con il link per scaricare la Guida

Leave a reply