Murlo, dove vivono gli Etruschi

- Borghi, Centri storici, Cultura, Toscana
Murlo etruschi

Murlo, scorcio del borgo

Murlo ospita il bellissimo museo archeologico di Poggio Civitate, ricco di reperti etruschi e di un uomo con un cappello misterioso..

Come sei piccola Murlo.

Osservi il tempo dal tuo poggio, unendo le pietre ai ricordi, affondi le radici salde nel tuo misterioso passato.

Radici profonde e profonda ricerca per trovare negli  scavi una traccia impressa anche  sui volti dei tuoi abitanti.

Murlo, le tue campagne serbavano la testimonianza rara di Poggio Civitate, un sito etrusco non funerario.

Gli Etruschi ti avevano scelto come casa, per inneggiare alla vita.

Gli Etruschi, ancora oggi, ti guardano attraverso gli occhi vivi dei loro discendenti, gli abitanti di Murlo.

Murlo etruschi

Murlo

Murlo etruschi

Antiquarium di Poggio Civitate

MURLO: L’ANTIQUARIUM DI POGGIO CIVITATE

Murlo si visita con una breve e piacevole passeggiata. Pochi passi per deliziarsi coi suoi scorci e per andare a ritroso di centinaia di anni nella storia.

Il Palazzo vescovile  accoglie i materiali ritrovati nel sito archeologico di Poggio Civitate.

Che una volta non era chiamato così, i boscaioli e i pastori di  Murlo lo conoscevano come Piano del Tesoro. Questo perché la pioggia portava alla luce strani resti e in un buco, si narrava, era stato ritrovato  un vitello d’oro.

L’archeologo Ranuccio Bianchi Bandinelli, nel ’26 prestò ascolto alle indicazioni dei boscaioli e dei pastori, intuendo  l’importanza della zona. Nei successivi scavi degli anni ’60 condotti da una missione statunitense, a Poggio Civitate emersero infatti i resti di un Palazzo signorile, costruito in due fasi tra il VII e il VI secolo a.c..

Sono stati ritrovati molti elementi delle coperture. Questo grazie alla cura con cui gli etruschi smontarono e seppellirono in apposite fosse gli stupendi elementi decorativi, quasi a volerli conservare.

Murlo etruschi

Poggio Civitate, ricostruzione

Murlo etruschi

Antiquarium

 

Il palazzo signorile era affiancato da un laboratorio artigianale di 50×6 m di base, adibito alla produzione delle terrecotte in uso a palazzo e di altri oggetti in osso, avorio e bronzo.

Le figure che animavano il tetto del palazzo orientalizzante sono qualcosa di meraviglioso: animali reali e fantastici, una grande sfinge alata mostrano il legame tra la cultura arcaica e questo centro etrusco.

La lunga fascia coi cavalli in corsa, il realismo che li muove, lo scalpitìo dei loro zoccoli dal passato raggiunge te che li stai ammirando.

Murlo etruschi

fregio coi cavalieri in corsa

Murlo etruschi

Antiquarium, reperti

Murlo etruschi

la tavola principesca ritrovata a Poggio Civitate

MURLO: CHI ERA L’UOMO COL CAPPELLO A LARGHE TESE?

La statua più particolare fra i resti di Poggio Civitate è un uomo seduto, con una lunga barba e un copricapo singolare: un grande cappello che oggi ci ricorda quelli dei ‘cowboy’ (ovviamente è una definizione che non ha senso, mi metto al riparo dagli strali di eventuali archeologi che dovessero leggermi).

Chi era? E perché aveva un cappello così particolare?

Era un nobile oppure un guaritore?

L’ipotesi del Professor Edilberto Formigli si fonda sul confronto del ‘cappellone’ di Murlo con una fibula d’oro dell’VIII – VII secolo a.c. proveniente da Cuma. Su questa fibula il Formigli riconobbe una forte similitudine fra una decorazione circolare e il cappellone di Murlo. Con un particolare a fare la differenza: sulla fibula il cappellone è accompagnato da due serpenti . Nelle culture orientali, specie in quelle siriane che hanno influenzato la cultura etrusca, il serpente simboleggiava i poteri taumaturgici.

Forse l’uomo col cappello di Murlo aveva un serpente fra le mani ed era un guaritore?

Murlo etruschi

l’Uomo col ‘cappellone’

 

GLI ABITANTI DI MURLO, ETRUSCHI DENTRO

Un aspetto che mi ha emozionato durante la visita del museo archeologico è stato vedere le vecchie foto che ritraggono gli abitanti di Murlo fianco a fianco agli archeologi nel condurre le campagne di scavo.

I volti sudati, gli sguardi fieri di riportare alla luce la testimonianza del loro lontano passato.

Ma è davvero così lontano?

Un’equipe dell’università di Torino ha studiato il DNA degli abitanti di Murlo autoctoni ed è arrivata alla conclusione che contiene tracce del DNA etrusco!

Ma basta sovrapporre gli occhi e i sorrisi per rendersene conto, una testimonianza incredibile dell’amore di questa gente per la propria terra. Non l’ha mai abbandonata del tutto, vivificando, secolo dopo secolo, la radice del passato.

Murlo etruschi

foto d’archivio degli scavi archeologici

Murlo etruschi

Murlo, allestimenti Blu Etrusco

IL FESTIVAL BLU ETRUSCO

Anche quest’anno Murlo e altre città di origine etrusca celebrano la loro cultura con il Festival Blu Etrusco.

Il programma è ricco di eventi, vi consiglio di prendere l’agenda e di appuntarveli! Io l’ho già fatto!

Dal 13 al 30 luglio ci saranno percorsi museali all’aperto, workshop di tessitura etrusca, concerti e degustazioni per farti conoscere la meravigliosa cultura etrusca.

Conoscere le proprie radici è qualcosa di emozionante, che arriva a toccare il cuore.

Murlo etruschi

il carro che trasporta il giglio

Murlo etruschi

bronzi etruschi

INFORMAZIONI:

Antiquarium di Poggio Civitate

Piazza della Cattedrale, 4 – Murlo

Orari

Festival Blu Etrusco

programma 

Murlo etruschi

Murlo, un antico pozzo

Murlo etruschi

Museo archeologico di Murlo, ingresso

Previous Story
Next Story

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Translate »
Close