Monticchiello, quello che non ti aspetti dalla Val d’Orcia

- Borghi, Centri storici, Toscana, Val d'Orcia
Monticchiello teatro povero

Monticchiello, una porta

A Monticchiello, un piccolo borgo della Val d’Orcia, per trovare Cavalieri Teutonici, un museo con uno strano nome e un Autodramma collettivo.. ma non era il solito filare di cipressi?

 

Esiste un posto in Val d’Orcia dove le cose non vanno come te le aspetti.

Prendi un piccolo borgo in pietra, prendi un panorama idilliaco su Pienza, il filare ondulato di cipressi che trasuda Toscana da tutti i pori.

Monticchiello, un luogo pacifico.

E invece ti sbagli.

Monticchiello in passato era chiamato Monte Flagello.

Ma come?

E invece è proprio così… Monticchiello, durante il Basso Medioevo, fu una Magione dei Cavalieri Teutonici. Imprendibile, i Cavalieri lo difesero nelle battaglie che insanguinarono la Val d’Orcia.

Protetto dalle sue mura, dal coraggio dei Cavalieri e della sua gente.

Monticchiello, Monte Flagello, incredibile..

Monticchiello teatro povero

Monticchiello, una finestra

trekking pienza

La Porta di Monticchiello

Monticchiello teatro povero

Vista panoramica da Monticchiello

 

MONTICCHIELLO HA LE RADICI NEL CIELO

Esiste un posto in Val d’Orcia, dove nemmeno il museo del paese è come te lo aspetti.

Entri e getti uno sguardo sul nome, già quello ti suona un po’ strano. Tepotratos..

Che cosa significa questo nome così particolare?

Tepotratos è l’acronimo di TEatro POpolare TRAdizionale TOScano.

Ti aspettavi un museo contadino, bene. Rastrelli, attrezzi.. e invece?

Eccoli lì i contadini che hanno lavorato la Val d’Orcia col loro sudore. Stanno in piedi attorno a un tavolo,  come in attesa che tu ti accorga di una cosa singolare, nella penombra.

Monticchiello teatro povero

Tepotratos, allestimento interno

Monticchiello teatro povero

Tepotratos

 

Una quercia rovesciata. I rami verso terra, le radici verso il cielo.

Tu, piccolo uomo, sei appeso a quelle radici. Ogni volta che partirai alla loro ricerca, salirai più in alto.

E poi trovi una frase che ti chiude un nodo in gola:

‘Quando vorrai vedermi

Guarda nel tuo cuore e mi vedrai,

perché non c’è morte per i viventi

e noi siamo rami della medesima pianta

che ha le radici nel cielo’.

Monticchiello teatro povero

Tepotratos, i rami della quercia

Monticchiello teatro povero

Tepotratos, le radici in cielo

Monticchiello teatro povero

Tepotratos

 

LA RICCHEZZA DI MONTICCHIELLO E’ UN TEATRO POVERO

Esiste un posto in Val d’Orcia, dove le persone non sono come te le aspetti.

Non  trovi l’indifferenza, il camminarsi a fianco di fretta, senza nemmeno guardarsi negli occhi.

Gli abitanti di Monticchiello hanno dato asilo nel loro piccolo borgo al senso della comunità.

Ogni anno, da circa 50 anni, si uniscono per dar vita a una rappresentazione corale, il Teatro Povero di Monticchiello. L’Autodramma che va in scena nelle sere estive non è solo uno spettacolo: è un progetto sociale e culturale nato per rispondere alla crisi della mezzadria, all’abbandono delle campagne e al frammentarsi del tessuto sociale.

A Monticchiello, gli abitanti hanno voluto reagire per non perdere la loro identità culturale.

Qual è il tesoro più grande? Quello che non puoi tenere solo con le tue mani.. passa dagli sguardi, dai cuori uniti di chi vive al tuo fianco.

Monticchiello teatro povero

il Granaio, il vecchio ingresso

Monticchiello teatro povero

il pozzo di Monticchiello

 

INFORMAZIONI UTILI

Per visitare il Museo Tepotratos, leggi qui

Dal 22 luglio al 14 agosto va in scena l’Autodramma  della Gente di Monticchiello, per informazioni e prenotazioni leggi qui  .

Un bel trekking da Pienza a Monticchiello, il Sentiero del Latte di Luna

Monticchiello teatro povero

*

Monticchiello teatro povero

Esposizione d’arte nell’oliveto, parte alta di Monticchiello

Previous Story
Next Story

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply
    Emmanuelle
    luglio 30, 2017 at 4:07 pm

    Merci pour cette article magnifique en photos et légendes de ce petit village Monticchiellio .Ce fut un régal .
    Un beau dimanche à vous .
    Emmanuelle

  • Leave a Reply

    Translate »
    Close