Librorcia, la medicina dell’Anima

- Libri, Toscana, Val d'Orcia
Librorcia

Benvenuti

 

In Val d’Orcia, nel piccolo borgo di Bagno Vignoni, oltre alla suggestiva piazza termale, si trova uno di quei posti pieni di anima che restano fra i ricordi più belli: Librorcia.

 

Se devo riavvolgere la pellicola del tempo, vedo me, per la prima volta a Bagno Vignoni, salire le scale per entrare in questa piccola libreria.

Prendo dei libri sulla Val d’Orcia, mi affido alle pagine per esplorare quello che è un mio luogo dell’anima.

Torno più volte negli anni, incuriosita da questo nido pieno di libri e di dettagli particolari. Citazioni, il fascino della parola scritta, specialmente di una che leggo nel sito di Librorcia: Sogno.

Così un giorno  trovo il coraggio di chiedere al libraio di raccontarsi, di disegnare fra i ricordi le tappe che lo hanno portato ad aprire la sua piccola libreria.

Il Libraio si chiama Simone e questa è la storia del suo Sogno.

Librorcia

Simone consiglia un lettore

 

SEMI DI LIBRORCIA TRA MULTICULTURALITA’ E MODA

Chissà perché ho sempre immaginato che un librario debba sviluppare sin da piccolo il suo attaccamento ai libri, come una sorta di ‘dipendenza’ a cui dare sfogo da grandi con una libreria.

E invece Simone mi ha sorpreso. Col suo modo di fare al di fuori dei cliché, mi ha confessato che da ragazzino sì leggeva, ma non con questo grande interesse.

E’ stato l’ambiente universitario, l’entrare in contatto con ragazzi di altre culture ad accendere la molla della curiosità e ad avvicinarlo, questa volta per davvero, al mondo dei libri.

Un danese, un norvegese, un giapponese, un siriano, un cipriota sono stati fra i suoi coinquilini, ‘Oblomov’ e ‘ Il demone meschino’ fra i suoi primi libri.

Dopo l’università, arriva un lavoro nel mondo dell’alta moda e Simone inizia a viaggiare molto. Madrid, Palermo, Praga, Milano, Parigi, Istanbul.  Sfilate, appuntamenti, vernissage, il correre in ambienti ricchi di stimoli.

Con gli anni però, è la parola ‘correre’ che si fa troppo pesante. Dove rimane il tempo per ritrovare nelle tasche il seme di quel sogno dei tempi dell’università?

Il lavoro, il tempo ridotto al minimo, si traducono in malessere.

Non è quello il cammino da seguire.

Simone porta con sé le esperienze positive che gli ha dato la moda, ma dentro il pugno che stringe al cuore, c’è ancora quel seme: il Sogno.

E allora il cammino diventa un salto.

Nel vuoto? Non proprio: il salto finisce vicino a una grande vasca termale.

Librorcia sboccia a Bagno Vignoni.

librorcia

Bagno Vignoni

 

LA MIA CURA SI CHIAMA LIBRORCIA

Quando Simone viene a sapere che a Bagno Vignoni chiude un’attività, sente che quello è il posto giusto per far sì che il suo Sogno metta radici e cresca.

La libreria trova spazio nelle stanze di una casa, coi soffitti con le travi in legno e il vecchio camino come una grande bocca ad accogliere libri.

Il salotto resta un salotto, Simone lo arreda con divani e poltrone perché la libreria sia, prima di tutto, un luogo dove incontrarsi per parlare.

Librorcia

il salotto di Librorcia

Librorcia

libri nel vecchio camino

 

Il malessere di Simone, dentro Librorcia, pian piano passa, la cura funziona.

Scommettere su un Sogno non è facile, tanti sono i dubbi e le ansie.. ma quanto, quanto è bello sentire l’energia scorrere nelle vene, sentire che stai facendo qualcosa che sa di buono?

Nel suo nido pieno di libri e di speranza, Simone ritrova un sorriso dolcissimo.

Librorcia

Simone

 

LIBRORCIA, PICCOLO SCRIGNO DI TESORI

Simone si schermisce quando gli chiedo come sceglie i libri da tenere in libreria. Dice che segue i blog di settore, le novità, i libri più letti perché deve tener conto del gusto di tutti i lettori.

Io invece credo che sia un suo velo di timidezza. Si vede che la libreria è ‘ghiotta’ , passatemi il termine.

Oltre alla parete a doppia altezza rivestita di libri di narrativa e di fotografia, Librorcia ha una sezione dedicata al territorio che non è composta solo dalle ‘solite’ guide. E’ la parte di letteratura di viaggio, incentrata sulla Val d’Orcia e sulla Toscana ad essere ben più interessante.

Librorcia

la sezione dedicata al territorio

 

Vicino al grande camino, un segno dell’attenzione di Simone verso i lettori.. ha allestito un piccolo angolo tisane e … una chicca.. i fumetti di Zerocalcare!

Librorcia

Delizioso l’angolo tisane! e una chicca… Zerocalcare!

 

In un’antica madia, protetti sotto vetro come dei veri e propri tesori, i miei occhi accarezzano i curatissimi libri di Tallone, tra cui le splendide ‘Venti poesie d’amore’ di Neruda..

Ma se amate i libri vecchi come me, accucciatevi e aguzzate lo sguardo.. Simone è riuscito a trovare dei libri di viaggio sulla Val d’Orcia dei primi del ‘900… che prurito alle manine!

Librorcia

Neruda edito da Tallone, bellissimo!

 

Librorcia

Vecchi libri sulla Val d’Orcia

 

C’è la stanza dei  bambini, con librerie alla portata dei più piccini, ‘Leggere è crescere’! (ma questo vale anche per i grandi, no?)

Librorcia

..e vale anche per i grandi!

Librorcia

i libri per bambini mi catturano sempre!

 

E poi ci sono libri aperti, come contenitori onirici di Arte: quelli pop-up dei mobiles colorati (Suono bianco) e quelli ricavati da vecchi libri, con vascelli, onde  e foreste di alberi scaturiti dalle mani di Giulia, un’artista della Val d’Orcia.

Librorcia

libro pop-up … onirico

Librorcia

un sogno a forma di libro

 

Suoi anche i delicati segnalibri, ecco la mano di Simone che me ne mostra uno..

Librorcia

delicati segnalibri realizzati a mano

La strada tortuosa che da Siena conduce all’Orcia

traverso il mare mosso di crete dilavate (..)

è una strada fuori dal tempo, una strada aperta

e punta con le sue giravolte al cuore dell’enigma.

(Mario Luzi)

 

LIBRORCIA E I COLORI DEL LIBRO

Ogni anno a settembre, Simone in collaborazione con il Comune di San Quirico d’Orcia,  Toscana Libri e Agenzia Impress dà vita a una manifestazione stupenda: i Colori del Libro. In queste giornate di condivisione, gli autori si raccontano  nel piccolo borgo di Bagno Vignoni.

Quest’anno sarà il 23 e il 24 settembre, io l’ho già segnata in calendario!

Librorcia

chi segue i libri, si eleva

 

Chiacchierare con Simone è stato inaspettato, fuori da ogni memoria del tempo.

Iniziato con un sorriso e finito con un abbraccio, mi sembra quasi di averlo sognato: dev’essere l’effetto di un luogo così speciale.

Al risveglio però, so che quel sogno lo posso ritrovare: si chiama Librorcia, una piccola isola di candore.

Librorcia

la casa di Librorcia

Informazioni utili

Librorcia libreria

via delle Sorgenti, 38 – Bagno Vignoni

Librorcia

Chi si mette in corpo i libri, vive tra le nuvole… bellissima!

Previous Story
Next Story

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply
    Emmanuelle
    agosto 3, 2017 at 4:28 pm

    Merci pour cet article formidable de cette bibliothèque de rêve .Félicitations à Simon de faire rêver et de poursuivre ce magnifique endroit .
    Emmanuelle

  • Leave a Reply

    Translate »
    Close