Io, contadino, vivo a Matera: in una Casa Grotta

- Basilicata, Cultura, Matera
Matera Casa Grotta

il mulo stava in casa

Visita della Casa Grotta di Vico Solitario, esperienza da non perdere per chi vuole conoscere la storia di Matera.

‘Hai chiuso bene la porta? C’è freddo fuori, per fortuna che abbiamo il mulo a scaldarci.’

‘Questa sera si fa festa: sono passato a prendere il pane appena cotto al forno, eccolo qui..com’è bello il nostro marchio..’

‘Oggi ho filato, il lenzuolo è quasi pronto, spero di venderlo bene..’

Accostatevi piano a questa piccola fessura e sbirciate dentro.

La luce è bassa, la lampada a olio fa un debole chiarore.

Se non è abbastanza, bussate piano e vi apriranno.

La casa e il cuore.

La gente di Matera ha sempre avuto un cuore grande, anche quando nelle proprie case aveva così poco ai nostri occhi.

O forse, aveva ciò di cui c’era bisogno. Il pane, i sorrisi, gli attrezzi per il vivere quotidiano erano tutti realizzati dalle loro mani.

Mani che sapevano coltivare, filare, impastare un pane profumato, allevare gli animali.

Mani che hanno conosciuto la povertà , la forza, la fame, la dignità.

Vorrei  aver anche solo un briciolo della sapienza di quelle mani.

La storia di Matera passa dai loro calli, dai setacci, dalle brocche, dalla pietra.

E nella pietra i materani hanno scavato per secoli la loro abitazione: la Casa Grotta.

Matera

Matera

Matera case

Matera Casa Grotta

Casa grotta, interno

Matera e la Casa Grotta: il posto delle radici

Se siete a Matera, dirigetevi verso Vico Solitario. Con molta cura è stata recuperata una antica abitazione materana, scavata nella roccia: una Casa Grotta.

L’uso di ricavare le abitazioni per sottrazione, scavando il tufo, invece che costruendo tutto l’edificio in superficie deriva dalle comunità monastiche benedettine e greco-bizantine che attorno al VII secolo popolarono queste zone. In particolare le genti greco-bizantine portavano con sé una traccia costruttiva dei loro luoghi di origine: la Cappadocia, l’Anatolia, fino alla lontana Armenia erano regioni caratterizzate dalla consuetudine della vita in grotta. Questo aspetto incontrò la capacità della popolazione locale di lavorare il tufo, dando origine alle case grotta.

Questo modo di abitare Matera ha attraversato le epoche, fino ad arrivare al XX secolo. Le case grotta erano diventate un simbolo di degrado, quasi una vergogna da nascondere agli occhi del mondo.

Per motivi di igiene, la gente che le abitava venne sfollata.

Matera Casa Grotta

Matera Case grotta

Abbandonate per anni, le case grotta erano in attesa di vedere riconosciuta la loro dignità storica. Avevano qualcosa di importante da raccontare, nei loro ambienti raccolti custodivano l’anima di Matera.

Entrando nella Casa Grotta di Vico Solitario, questa storia antica si dipana davanti ai vostri occhi: il telaio per filare, il posto del mulo, il letto grande e alto dove si dormiva in tanti e che sotto ospitava le galline, gli orci, la piccola cucina, gli utensili di legno e terracotta.

Raccogliete il testimone di questo mondo contadino, troverete un pezzo delle nostre radici.

Matera Casa Grotta

La piccola cucina della casa grotta

Matera Casa Grotta

il Telaio

Matera Casa Grotta

Matera gravina

Informazioni Utili

Storica Casa Grotta di Vico Solitario

Vico Solitario, 11 – Matera

Matera Casa Grotta

Ambiente principale della Casa Grotta

Matera grotte

Previous Story
Next Story

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Translate »
Close